top of page

Market Research Group

Public·12 members
Arthur Shilov
Arthur Shilov

Il Secolo Magnifico Streaming



Il secolo magnifico (Muhteşem Yüzyıl) è una serie televisiva turca, basata sulla vita di Solimano il magnifico. È stata trasmessa inizialmente su Show TV e poi, a partire dalla seconda stagione, su Star TV.




Il secolo magnifico streaming



BetaSeries è l'applicazione di riferimento per gli appassionati di serie che guardano le piattaforme di streaming. Scarica gratuitamente l'applicazione, inserisci le serie che ti piacciono e ricevi consigli istantanei.


La serie TV Magnificent Century è stata trasmessa in prima visione assoluta in Turchia dal 5 Gennaio 2011 al 14 Giugno 2014. Trasmessa per la prima volta in Italia il 1 Giugno 2016 sulla piattaforma in streaming Netflix.. Magnificent Century è una serie terminata e si compone di 4 stagioni per un totale di 0 episodi.


Cagliari, 14 marzo 2022 - Venerdì 18 marzo alle 16, nell'aula magna del Rettorato e in diretta streaming, si svolgerà il convegno "Riflessioni sulla crisi in Ucraina". La manifestazione si inserisce nelle iniziative in atto per #unica4ukraine, il programma dell'Università degli Studi di Cagliari che ha l'obiettivo di far fronte all'emergenza e di approfondire scientificamente i temi legati alla situazione di crisi internazionale.


Il convegno verrà aperto dai saluti del Magnifico Rettore Francesco Mola e sarà coordinato da Aide Esu, docente di Sociologia nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali. Seguiranno gli interventi dei docenti di UniCa Aldo Berlinguer su "La crisi in Ucraina: un disastro annunciato", Massimo Tria con "La distruzione della storia e dell'informazione in Russia", Marco Siddi sul tema "Guerra e crisi energetica in Europa", Giorgio Giacinto su "Sicurezza del cyberspazio: tecnologia, formazione, comunità" e del docente dell'Università di Firenze, Luigi Martino, che parlerà di "Geopolitica e dimensione cyber nei conflitti del XXI secolo".


Venerdì dalle 16, nell'aula magna del Rettorato, via Università 40, e in diretta streaming, si svolgerà il convegno "Riflessioni sulla crisi in Ucraina". La manifestazione si inserisce nelle iniziative in corso per #unica4ukraine, il programma dell'Università che ha l'obiettivo di far fronte all'emergenza e di approfondire i temi legati alla situazione di crisi internazionale. Il convegno sarà aperto dal rettore Francesco Mola e sarà coordinato da Aide Esu, docente di Sociologia nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali.


"Riflessioni sulla crisi in Ucraina". È il titolo del convegno in programma domani a partire dalle 16, nell'aula magna del Rettorato dell'Ateneo cagliaritano, in via Università 40, e in diretta streaming. Iniziative La manifestazione si inserisce nelle iniziative in corso per #unica4ukraine, il programma dell'Università di che ha l'obiettivo di far fronte all'emergenza e di approfondire scientificamente i temi legati alla situazione di crisi internazionale. Accanto all'impegno culturale, prosegue l'attività dell'Ateneo per l'integrazione di studenti e ricercatori ucraini: nelle prossime settimane inizieranno i corsi di italiano dedicati, e sono in via di pubblicazione i bandi per le borse di studio e di ricerca. Il programma Il convegno sarà aperto dai saluti del Rettore Francesco Mola e sarà coordinato da Aide Esu, docente di Sociologia nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali. Seguiranno gli interventi dei docenti di UniCa Aldo Berlinguer su "La crisi in Ucraina: un disastro annunciato", Massimo Tria con "La distruzione della storia e dell'informazione in Russia", Marco Siddi sul tema "Guerra e crisi energetica in Europa", Giorgio Giacinto su "Sicurezza del cyberspazio: tecnologia, formazione, comunità" e del docente dell'Università di Firenze, Luigi Martino, che parlerà di "Geopolitica e dimensione cyber nei conflitti del XXI secolo". Il link per il collegamento per seguire l'iniziativa è disponibile sulla homepage del sito dell'Università di Cagliari www.unica.it.


The Book of Vision, il film italiano (in lingua inglese) diretto da Carlo S. Hintermann e prodotto da Terrence Malick, è stato acquisito per la distribuzione cinematografica da RS Productions, e sarà disponibile in anteprima sulla piattaforma streaming Chili dal 26 febbraio.


Ripensare le Città. Storie, Problemi, Prospettive. Martedì 24 gennaio 2023 alle ore 17:00, presso la Sala Conferenze di UnitelmaSapienza e in streaming sul canale YuoTube di Ateneo, il quarto appuntamento del ciclo di conferenze organizzato dalla Scuola La FeniceUrbana diretta dal prof. Alessandro Bianchi...


#NoiSiamoUnitelma, si è svolta ieri, presso la Sala Conferenze di UnitelmaSapienza e in streaming sul canale YouTube di Ateneo, la Cerimonia di consegna della pergamena celebrativa "10 anni con UnitelmaSapienza" rivolta a tutte le studentesse e gli studenti che hanno conseguito un titolo di studio nel 2012 e che, successivamente, hanno proseguito gli studi...


Si terrà martedì 20 settembre alle ore 16:30, presso la Sala Conferenze di UnitelmaSapienza e in streaming sul canale YuoTube di Ateneo, la presentazione del ciclo di conferenze organizzata dalla Scuola La FeniceUrbana diretta dal prof. Alessandro Bianchi.


Si terrà il 30 giugno 2021 alle ore 17.30, in diretta streaming sul canale YouTube di UnitelmaSapienza, la presentazione del Corso di Alta Formazione in Psicologia Giuridica e Psicodiagnostica Forense.


I Medici 2 farà il suo debutto su Raiplay il 18 ottobre 2018. I fan della serie italiana potranno conoscere così in streaming la prima puntata, mentre il resto della seconda stagione verrà trasmesso su Rai 1 dal 23 ottobre 2018. Saranno quattro gli appuntamenti de I Medici 2, con una trama che si focalizzerà su Lorenzo il Magnifico.


Nel sedicesimo secolo l'esercito turco sta per sconfiggere i polacchi quando in loro aiuto intervengono i cosacchi, capeggiati da Taras Bulba, che libera l'Ucraina rendendola così una terra libera. Alla fine della battaglia, tuttavia, il principe polacco Grigory tende un'imboscata ai suoi alleati. Taras Bulba ferito e colpito nell'onore, fugge dalla terra che era stata dei suoi avi e attende il momento propizio per vendicarsi. Addestra i suoi due figli Andrei e Ostap nell'arte della guerra e successivamente li manda a studiare all'Università di Kiev perché imparino usi e costumi dei polacchi e sappiano mescolarsi a loro. A Kiev però Andrei si innamora di Natalia e il padre di lei, contrario alla loro relazione, manda la giovane lontano, a Dubno. Intanto l'esercito cosacco di Taras Bulba è finalmente pronto e il luogo in cui avverrà l'attacco è proprio Dubno. L'esercito assedia la città aspettando che si arrenda, stretta dai morsi della fame. Andrei, penetrato nella città per vedere Natalia, viene catturato e, per avere salva la propria vita e quella della sua amata, accetta di far entrare all'insaputa di suo padre il bestiame dei cosacchi a Dubno. Taras Bulba però si accorge delle manovre di Andrei e lo uccide. I polacchi, credendo che i loro nemici siano in rotta tra loro, escono dalla città, ma cadono nelle mani dei cosacchi e vengono sterminati. Finalmente Taras Bulba potrà entrare nella città da dominatore.Guardalo subito su Prime Video


Non è la prima volta nella storia della Chiesa in epoca moderna che un Papa regnante celebra le esequie di un Papa emerito. Andrea Tornielli, su Vatican news, cita il caso di Pio VI, che dopo essere morto in esilio a Valence nel 1799 prigioniero di Napoleone, ebbe funerali solenni tre anni dopo, quando le sue spoglie vennero riportate a Roma: le esequie furono celebrate da Pio VII, nella basilica di San Pietro, nel 1802. Il defunto, al secolo Giannangelo Braschi (Cesena 1717 - Valence 1799), eletto pontefice nel 1775, dopo un lungo regno morì in esilio in Francia, prigioniero di Napoleone. Le esequie si svolsero a Valence, subito dopo la morte, mentre i "novendiali" (i nove giorni di messe di suffragio prima dell'inizio delle votazioni in conclave) si tennero a Venezia, nella città in cui i cardinali si erano riuniti per eleggere il successore. Pio VII, eletto il 14 marzo 1800, volle riavere a Roma le spoglie del predecessore, che furono riesumate nel dicembre 1801 e viaggiarono da Valence a Marsiglia e di qui, via nave, verso Genova. Sbarcata in Italia, la salma del Pontefice esiliato iniziò un pellegrinaggio trionfale, con solenni esequie celebrate a ogni tappa. Il 17 febbraio 1802 avvenne "il magnifico ingresso trionfale a Roma", con i cardinali che attesero le spoglie a Ponte Milvio. La solenne cerimonia funebre venne celebrata in San Pietro in presenza di Papa Pio VII. I resti di Pio VI non ebbero però pace: il cuore e i precordi del defunto furono riportati a Valence, su richiesta esplicita del governo di Parigi, con un lungo viaggio di ritorno attraverso varie tappe in Francia nel 1802. Ma nel 1811 il cuore fu nuovamente riportato a Roma.


Infine, alcune serie turche parlano del periodo ottomano: Muhtesem Yuzyıl - il secolo magnifico, Diriliş Ertuğrul - Ertuğrul resurrezione - Rise of Ottoman Empire etc). I punti forti: i costumi, le scene di battaglia e lo scenario accattivante.


Flop di ascolti, la seconda stagione qui in Italia non è mai andata in onda in prima serata. Prima di sparire dai palinsesti, Roma è tornata in seconda serata su Rai 4 dove è stata trasmessa la serie integrale e senza censure. Non ha mai brillato di ascolti, trovando solo di recente un largo consenso nel momento in cui è stata resa disponibile sui canali streaming a pagamento. Su NowTv pare che sia la casa ideale. Girata in Italia, a Cinecittà, per anni il set è stato un luogo di culto per gli appassionati. Fino a quando a causa di un incendio non è andato distrutto.


È un romanzo sulla vita della Repubblica ma molti personaggi che si trovano nella serie sono realmente esistiti. Ad esempio, quelli di Tito e Voreno sono citati anche De Bello Gallico nel quale vengono presentati come due valorosi centurioni. E non è tutto. La serie propone una rilettura ben diversa sul personaggio di Cesare. Presenta delle differenze rispetto a quella di analoghe trasposizioni cinematografiche. Se tradizionalmente viene rappresentato come un conquistatore e geniale politico, ma anche come un uomo magnifico, generoso e propenso al perdono, in Rome si è preferito renderlo più autoritario, sottolineando la propensione alle maniere forti e alla ferma convinzione di essere superiore agli altri. Cosa che i libri di storia spesso hanno omesso.


About

Welcome to the group! You can connect with other members, ge...
bottom of page